Sono intervenuta questa mattina al dibattito sul Corriere in riferimento all’articolo di Alesina e Giavazzi sui ritardi italiani riguardanti l’occupazione femminile. Ho voluto esprimere il mio punto di vista, per sottolineare che gli ostacoli presenti sono un disincentivo insopportabile per il lavoro delle donne, e che dipingerci in un’ottica statica e autoinflittiva non fa né capire a fondo le coordinate del problema né trovare le giuste soluzioni.

Qui il link