Il testo dell’ultima newsletter.

 

——-

Siamo ancora, di nuovo, in mezzo alle fibrillazioni. Interessi particolari continuano a voler condizionale la vita di tutti. Serve concentrarsi sulle cose da fare, che sono tante, non possiamo di nuovo ricominciare daccapo.

Sono convinta che oggi la stabilità sia un bene prezioso. Non è prendere tempo, ma assumersi la responsabilità di usare il tempo per fare le cose che servono. Ecco perché penso che la stabilità debba essere coniugata insieme alla speranza, che non si attiva con le promesse, ma con i risultati.

Ci sono urgenze economiche e sociali, soprattutto il lavoro, e azioni di più lungo respiro, dalle riforme costituzionali a cambiamenti di sistema, che si stanno avviando nei passaggi parlamentari e che sono tasselli di un cambiamento su cui continuare a lavorare.

La ratifica della Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne, ad esempio, ha permesso di definire diritti e obiettivi che rendono possibile un processo reale di cambiamento, che io credo sia responsabilità di questo Parlamento avviare e strutturare, nell’ottica del mainstreaming di genere: fare in modo che tutto il sistema paese sia rispettoso delle identità e delle differenze di genere.

È il modo per fermare la violenza, che è un fenomeno ormai strutturale. È il modo per cambiare l’approccio delle politiche pubbliche, l’atteggiamento culturale e il linguaggio. È il modo per liberare il capitale femminile e far crescere tutta la società.

Nel processi di cambiamento hanno un ruolo decisivo anche i media e l’informazione.

Ne parleremo martedì 24, alle 10, al convegno “Convenzione di Istanbul e media”, alla sala Zuccari del Senato, con i Presidenti Grasso e Boldrini, il Presidente Zanda, la Presidente della Rai Tarantola e i direttori Mario Calabresi, Ferruccio De Bortoli, Massimo Giannini e Sarah Varetto.

Un ultimo pensiero alla Siria. Seppur con molte cautele e molti dubbi, e con lo scenario interno che l’ONU conferma devastante, la diplomazia ha iniziato a muoversi, aprendo spiragli da osservare ora con attenzione. Intanto è stato liberato Domenico Quirico, dal cui racconto ho tratto un esempio di profonda e ammirevole umanità.

 

Grazie.

 

 

 

 

Più in basso trovate, e troverete ogni settimana, il racconto delle cose accadute in Aula e nell’azione di Governo, le cose che ho seguito direttamente, le prossime scadenze, i miei impegni fuori dal Senato e in Toscana.

Qui trovate il calendario con i miei prossimi appuntamenti.

 

 

in Senato

Il Senato, nella seduta di mercoledì 11 mattina ha approvato i ddl di rendiconto e assestamento del bilancio dello stato (n. 888 e n. 889), che ora passano alla Camera. Quanto al rendiconto, la gestione finanziaria dell’anno scorso ha visto una flessione dello 0,8% del PIL. Per effetto delle recenti manovre, l’esercizio ha evidenziato una nuova riduzione dell’indebitamento, segnando un valore pari al 3% del PIL. Il saldo primario si è attestato a +2,5%. Il saldo netto è positivo per circa 10,8 miliardi. E si registra un miglioramento del risparmio pubblico (da 46,1 a 48,5 miliardi).

Nella stessa seduta, la Ministra Cancellieri ha informato l’Assemblea sulla riorganizzazione delle circoscrizioni giudiziarie, che incontra resistenze locali laddove si prevedono soppressioni di tribunali.

Sempre mercoledì 11, nel pomeriggio il Presidente Letta ha riferito in Aula sul vertice G20 di San Pietroburgo. Letta ha ribadito che si è discusso di sviluppo, lavoro e commercio, lotta al protezionismo, regole della finanza. Si inizia a guardare alla fase di uscita dalla crisi, con l’Italia non più osservato speciale, ma anzi promossa per i risultati raggiunti.

Con il voto sulla relazione governativa sugli effetti delle misure contenute, procede l’iter del decreto sull’IMU, cassa integrazione, esodati.

 

Nuove regole in Senato per le trattative sindacali interne con i rappresentanti dei dipendenti, che diventeranno effettivi dal 31 gennaio 2014. Il Consiglio di Presidenza ha deciso di introdurre una soglia minima (5%) di rappresentatività per le organizzazioni sindacali ammesse a trattativa. È un cambiamento che ho seguito direttamente, come presidente della “Rappresentanza permanente del Consiglio di Presidenza per i problemi del personale”, attraverso un percorso molto positivo di incontri con le organizzazioni e in accordo con la quasi totalità di queste.

 

dalla camera

La Camera ha approvato il disegno di legge costituzionale, già approvato, in prima deliberazione, dal Senato, recante istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali (C. 1359). Il provvedimento torna ora nuovamente al Senato.

 

in Commissione

Giovedì 12 le Commissioni Esteri, Difesa e Politiche Ue, in seduta congiunta, hanno ascoltato il vicepresidente della Commissione europea, Antonio Tajani, sul Consiglio europeo sulla Difesa di dicembre 2013.

 

ho firmato

Ho firmato, insieme a tutti i senatori PD della commissione giustizia, un subemendamento al ddl Severino sulle depenalizzazioni, per evitare la depenalizzazione di alcuni reati di pirateria e contraffazione, che avrebbe un effetto devastante per molte imprese, lavoratori e consumatori.

 

temi della settimana 

GOVERNO. L’ultimo CDM si è occupato anche di pensioni procedendo all’armonizzazione dei requisiti minimi per alcune categorie escluse dalla riforma del 2011: il personale viaggiante dei servizi di trasporto, alcuni lavoratori marittimi, gli sportivi professionisti e i lavoratori dello spettacolo.

EUROPA. A Roma il G-6 dei Ministri dell’Interno, con primo punto all’ordine del giorno  violenza di genere e femminicidio. Ho chiesto in quest’occasione che il Governo si faccia parte attiva con i partner europei che non hanno ratificato la Convenzione di Istanbul.

PD. Il 20 e 21 settembre si terrà l’Assemblea del Partito Democratico all’auditorium della Conciliazione a Roma, per la convocazione del Congresso.

FEMMINICIDIO. Il dl sul Femminicidio, di cui sono iniziate alla Camera le audizioni, ha raccolto molte le critiche da parte di associazioni, avvocati e magistrati. Secondo SNOQ Factory il dl “riduce la violenza sulle donne a un problema di ordine pubblico”.

MADE IN ITALY. Gucci vara un piano Welfare aziendale rivolto ai dipendenti italiani. Family, servizi alla persona, sanità e previdenza, work-life-balance, mobility e convenzioni saranno le aree di intervento di “Welfare for you”.

 

in Toscana

Venerdì ho partecipato all’incontro tra il Presidente della Regione Enrico Rossi e il Ministro dei trasporti e delle Infrastrutture Maurizio Lupi. Un positivo confronto per una seria programmazione del sistema dei trasporti in Toscana. Mi auguro che questa innovazione di metodo venga mantenuta e che il prossimo incontro possa riguardare l’economia toscana e, in particolare, l’industria manifatturiera.

Buone notizie per l’azienda di Suvignano, bene sottratto alla mafia. Dopo le proteste e l’incontro del Presidente Rossi con il viceministro Bubbico, il governo è tornato sulla decisione di mettere all’asta l’azienda, e si sta ora ragionando sulle alternative che lascino il bene al servizio del territorio.

 

dove sono stata 

Sono stata a theMicam, la più importante fiera internazionale del calzaturiero, a Milano domenica. Ho parlato di made in Italy, anche con un articolo su l’Unità.

Ho partecipato al premio giornalistico Menegazzo, a Vigonza, parlando di media e informazioni e responsabilità pubbliche.

Sono stata a Perugia alla festa democratica per parlare di media e discriminazioni di genere. E alla festa democratica di Firenze e a quella di Sociville.

 

la prossima settimana

La prossima settimana saranno discussi il decreto-legge in materia di valorizzazione dei beni e attività culturali e la ratifica dell’Accordo tra Albania, Grecia e Italia sul progetto «Trans Adriatic Pipeline».

Mercoledì 17 settembre, presso la sala Nassirya del Senato, conferenza stampa della missione della Commissione diritti umani in Kazakistan per verificare le condizioni di Alma Shalabayeva e di sua figlia.

La Giunta per le elezioni del Senato il 18 settembre arriverà al primo voto per la decadenza di Berlusconi.

La Commissione Affari costituzionali prosegue l’esame del ddl n. 356 e connessi in materia elettorale.

Il calendario dei lavori