Berlusconi per provare a salvarsi gioca contro il Paese ed esce dal governo. Lasciamolo fuori, a curare i suoi interessi, e andiamo avanti, per il bene dell’Italia.

Spero nella responsabilità di tutti, ed in particolare di chi nei PDL ha ancora a cuore l’Italia più dei destini di una sola persona. Sono convinta che ci siano ancora i margini per continuare la strada avviata, senza governicchi, ma con la scelta chiara di continuare a fare gli interessi dell’Italia.

 

Quando ho saputo dell’annuncio delle dimissioni dei ministri del PDL, mente ero ad un dibattito a Pisa, alla festa provinciale della Cgil, sono stata colta di sorpresa, come tutti, nonostante la crisi fosse da giorni nell’aria.

Non credevo che la bieca difesa di interessi personali potesse davvero arrivare al punto di nuocere scientemente al Paese.

Le elezioni di febbraio sono state l’ultimo avviso di una crisi di sistema arrivata al punto che nulla oggi vale di più della responsabilità pragmatica di fare le cose che servono all’Italia, come il governo Letta e il Parlamento hanno in questi mesi iniziato a fare, dalle urgenze sociali e del lavoro al percorso delle riforme.

La fatica delle larghe intese, nate proprio dallo spirito di responsabilità, sotto la guida morale del Presidente Napolitano, non può ora essere ora gettata al vento per difendere le assurge pretese di un condannato, seppur a capo di un importante partito.

Nessuno può essere al di sopra della legge, come nessuno può essere messo prima del Paese.

E nessuno può prendere in giro gli italiani, inventando scuse, come l’aumento dell’IVA. E senza governo chi agisce per il paese?

Non possiamo darla vinta a chi gioca allo sfascio, non possiamo rinunciare.

 

—–

in Senato

Nelle sedute di questa settimana è stata approvata all’unanimità la mozione, di cui sono prima firmataria, sullo stupro come crimine di guerra.

Inoltre il Senato ha dato il via libera al decreto-legge n. 91, sulla valorizzazione dei beni e delle attività culturali, che ora passa alla Camera.

 

dalla camera

Si sta esaminando il disegno di legge sull’abolizione del finanziamento pubblico ai partiti.

 

in Commissione

Il Vice ministro Catricalà ha riferito sulle vicende del gruppo Telecom Italia alle Commissioni riunite Lavori pubblici e Industria. In Ufficio di Presidenza è stato ascoltato il Presidente esecutivo di Telecom Italia, Franco Bernabè.

 

ho firmato

Una mozione che chiede al Governo di impegnarsi per sostenere la modifica in senso democratico della Costituzione della Birmania.

Una proposta di legge “per la protezione dei soggetti malati di celiachia”.

Una interrogazione al Ministro della Salute sulla morte di un 42enne affetto da virus dell’hiv, deceduto per arresto cardiocircolatorio in mancanza di posti in ospedale.

Una interpellanza per chiedere ai Ministri competenti di utilizzare per le bonifiche i soldi confiscati alle mafie.

Una interrogazione al Ministro del lavoro sulla situazione  del calzaturificio Lorbac di Castelfranco di Sotto (Pisa).

 

temi della settimana 

GOVERNO. Il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, rilancia da New York il piano “Destinazione Italia”, per attrarre risorse, e parla di riduzione del deficit, crescita e stabilità politica alla Borsa americana e all’incontro, nella sede di Bloomberg, con il segretario al Tesoro Usa Jacob Lew, George Soros ad di Coca Cola, Muhtar Kent ad di Godman Sachs, Lloyd Blankfein, e di Lazard, Kenneth Jacobs.

PD – In direzione venerdì trovato l’accordo sulle regole del Congresso. La data per le Primarie è fissata per l’8 dicembre. Può votare anche chi si iscrive il giorno del voto. Qui il regolamento.

FEMMINICIDIO. La discussione del Decreto anti femminicidio  in aula alla Camera salta al 2 ottobre a causa degli oltre 400 emendamenti presentati.

MICROCREDITO ROSA – Presentata la campagna istituzionale “Riparti da te!”, mirata a sollecitare l’auto impresa femminile attraverso il microcredito.

MADE IN ITALY. Da New York il Presidente del Consiglio, Enrico Letta, presentando il progetto “Destinazione Italia”, dichiara che si deve investire sul Made in Italy.

 

in Toscana

La conferenza programmatica del PD Toscana è stata fissata per l’11 e 12 ottobre.

Poco più di 33 milioni arriveranno in Toscana dopo il via libera della Conferenza delle Regioni alla ripartizione dei 500 milioni stanziati dal governo per gli ammortizzatori sociali. Un primo passo, sapendo però che servono ancora risorse.

Giovedì 3 sarò a Piombino per lo sciopero dei lavoratori della Lucchini.

 

in evidenza – rassegna

La settimana scorsa, martedì 24, c’è stato il convegno “Convenzione di Istanbul e media”, che ho promosso e di cui vi avevo scritto. Una mattina di intense e costruttive riflessioni. Qui potete trovare interventi, foto e rassegna.

 

la prossima settimana

Mercoledì il Presidente del Consiglio Letta interverrà in aula per il chiarimento e la fiducia dopo la crisi.

Arriverà inoltre in aula il decreto-legge per la razionalizzazione nelle pubbliche amministrazioni.

Questo il calendario dei lavori del Senato della settimana.