Finalmente la tv pubblica ha deciso di adottare una policy in materia di genere! L’ottima decisione di Anna Maria Tarantola è utile per contribuire, ciascuno per la sua funzione e responsabilità, al superamento del contesto discriminatorio che è all’origine della violenza di genere introducendo rispetto della parità e della differenza di genere e puntando al superamento degli stereotipi sessisti . Una argomento cui abbiamo dedicato, alcune settimane fa, qui in Senato un Convegno dal titolo “Convenzione di Istanbul e media”. La stessa Convenzione di Istanbul, infatti, invita gli operatori dell’informazione alla definizione e all’attuazione di politiche e norme di autoregolazione, per prevenire la violenza nei confronti delle donne e contribuire al rafforzamento del rispetto della loro dignità. Quello della Rai è un primo, decisivo, passo per cambiare il contesto e tutti gli ostacoli che impediscono alle donne l’effettivo godimento dei loro diritti di cittadinanza , solo così costruiremo davvero un paese per donne e per uomini.