Trovo positivo che con la nuova squadra di presidenza, approvata oggi dal Consiglio Generale, Confindustria abbia scelto di valorizzare competenze di donne e uomini: implementare condizioni di parità nelle posizioni apicali di quella che è la principale associazione di rappresentanza delle imprese manifatturiere e di servizi in Italia, è una condizione fondamentale per rilanciare competitività e occupazione nel nostro Paese, come del resto ci indicano da tempo organismi internazionali ed europei quando evidenziano che la piena partecipazione delle donne ai processi decisionali, a tutti i livelli, è parte integrante dello sviluppo e della crescita”.
A tutta la nuova squadra faccio i miei più sentiti auguri di buon lavoro, sono convinta che aver designato tre donne e tre uomini tra i sei Vicepresidenti sia una scelta di valore, un cambiamento che conferisce responsabilità importanti a donne e uomini di riconosciuta competenza e capacità.