Con i lavori svolti dall’Assemblea questa settimana, il calendario delle attività sarà sospeso per la consueta pausa estiva, per poi riprendere a settembre.
A tutte e tutti voi un sincero ringraziamento e un augurio di buone vacanze.
Più in basso trovate, e troverete ogni settimana, il racconto delle cose accadute in Aula e nell’azione di Governo, le cose che ho seguito direttamente, le prossime scadenze, i miei impegni fuori dal Senato e in Toscana.
Qui trovate il calendario con i miei prossimi appuntamenti.
 

In Senato


L’Aula di Palazzo Madama, nella seduta antimeridiana di mercoledì 27 luglio, ha rinnovato la fiducia al Governo, approvando definitivamente il ddl n. 2483, di conversione del decreto-legge n. 98 del 2016, sulla cessione dell’Ilva.

Giovedì 28 luglio, nella seduta antimeridiana, il Senato ha approvato definitivamente la legge di delegazione europea 2015 (ddl n. 2345).

Sì definitivo anche per il ddl n. 2451, sul contenuto della legge di bilancio.

Nella seduta antimeridiana di giovedì 28 luglio, con 141 voti favorevoli, 35 contrari e 42 astenuti, è stata approvata definitivamente la legge di delegazione europea 2015(ddl n. 2345).

Con 190 voti favorevoli, nessun contrario e 32 astensioni l’Aula, lunedì 1 agosto, ha approvato, in prima lettura, il ddl n. 2217, recante disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura (“caporalato”). La parola passa ora alla Camera.
Come ho avuto modo di dichiarare:
Finalmente abbiamo realizzato un passo fondamentale per contrastare un fenomeno vergognoso come quello del caporalato, che colpisce più di 400mila lavoratrici e lavoratori, sia italiani che stranieri, e di cui si parla solo in occasione di eventi drammatici. Con l’approvazione del ddl 2217, disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero e dello sfruttamento del lavoro in agricoltura, introduciamo novità fondamentali, come la modifica del codice penale per introdurre il principio della piena corresponsabilità tra il caporale e l’imprenditore, una descrizione dettagliata e aggiornata delle condizioni che sono identificabili come sfruttamento, la previsione del controllo giudiziario dell’azienda responsabile del reato per evitarne la chiusura e le conseguenze negative sui lavoratori. Sono cambiamenti fondamentali per fare in modo che nessuno debba più scegliere tra lavoro e dignità.

Nella seduta del 2 agosto è stato definitivamente approvato il ddl 2290 sulla donazione e la distribuzione di prodotti alimentari e farmaceutici a fini di solidarietà sociale e per la limitazione degli sprechi; i voti a favore sono stati 181, due i contrari e 16 le astensioni.
In questa infografica, il provvedimento in sintesi.
Nella stessa seduta, con 165 voti favorevoli, 96 contrari e nessun astenuto il Senato ha approvato definitivamente il ddl n. 2495, di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge n. 113, recante misure finanziarie urgenti per gli enti territoriali e il territorio, sul quale il Ministro per i rapporti con il Parlamento, Maria Elena Boschi, aveva posto, nella seduta di lunedì 1 agosto, la questione di fiducia.

Nella seduta del 3 agosto è stato convertito in legge, con modificazioni, il decreto-legge sul processo amministrativo telematico (A.S. n. 2500); i voti a favore sono stati 145, 24 i contrari e 72 senatori si sono astenuti.

Nella seduta del 4 agosto è stata votata l’autorizzazione all’esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip nei confronti del sen. Antonio Stefano Caridi nell’ambito di un procedimento penale per associazione mafiosa. I voti a favore sono stati 154, 110 i contrari e 12 senatori si sono astenuti.

 

Commissioni
Le COMMISSIONI ESTERI E DIFESA DI SENATO E CAMERA, in seduta congiunta, martedì 26 luglio, hanno svolto l’audizione del Ministro degli esteri e della cooperazione internazionale, Paolo Gentiloni, e del Ministro della difesa, Roberta Pinotti, sugli esiti del Vertice NATO di Varsavia e sul ruolo dell’Italia in ambito europeo ed internazionale.La COMMISSIONE FINANZE, mercoledì 27 luglio, ha concluso l’esame dell’Atto Senato n. 57, in materia di contrasto al finanziamento di mine antipersona, conferendo mandato al relatore a riferire all’Assemblea in senso favorevole.

In COMMISSIONE ISTRUZIONE è stata approvata, martedì 26 luglio, una risoluzione ( Doc. XVIII, n. 143), al termine dell’esame dell’Atto comunitario n. COM (2016) 400definitivo, che istituisce un’azione dell’Unione “Capitali europee della cultura” per gli anni dal 2020 al 2033.

La COMMISSIONE LAVORO, mercoledì 27 luglio, ha concluso l’esame congiunto del ddl n. 2233 e connesso, riguardante la tutela del lavoro autonomo, dando mandato al relatore a riferire favorevolmente in Assemblea.
Martedì 26 luglio, ha espresso parere favorevole con osservazioni sull’Atto del Governo n. 311, sullo schema di decreto legislativo recante disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi 15 giugno 2015, n. 81, e 14 settembre 2015, nn. 148, 149, 150 e 151, emanati in attuazione della legge delega n. 183 del 2014, cosiddettoJobs Act.

 

dalla Camera


Martedì 26 luglio la Camera ha approvato il disegno di legge di conversione, con modificazioni, del decreto-legge 30 giugno 2016, n. 117, proroga di termini previsti da disposizioni legislative in materia di processo amministrativo telematico ( C. 3954-A). Il provvedimento passa ora all’esame dell’altro ramo del Parlamento.
Mercoledì 27 luglio la Camera ha approvato il testo unificato delle proposte di inchiesta parlamentare:Istituzione di una Commissione parlamentare di inchiesta sullo stato della sicurezza e del degrado delle città italiane e delle loro periferie (Doc. XXII, nn. 65-69-A).
Martedì 2 agosto, la Camera ha approvato in via definitivail disegno di legge S. 2344: Modifiche alla legge 24 dicembre 2012, n. 243, in materia di equilibrio dei bilanci delle regioni e degli enti locali (Approvato dal Senato) (C.3976).
Mercoledì 3 agosto, l’Assemblea, dopo aver concluso l’esame degli ordini del giorno presentati, ha approvato ilconto consuntivo della Camera dei deputati per l’anno finanziario 2015 (Doc. VIII, n. 7) e il progetto di bilancio della Camera dei deputati per l’anno finanziario 2016 (Doc. VIII, n. 8).

 

 

temi della settimana


Femminicidio
La cronaca ci restituisce ancora in questi giorni le storie di donne ammazzate da compagni o ex compagni di vita. Come ho avuto modo di scrivere in un articolo per l’Unità, la violenza sulle donne può e deve essere fermata, è necessario che ciascuno, a partire dagli uomini, si assuma la responsabilità di contrastarne le causefacendo ciò che può, ovunque si trovi, nella sfera pubblica come in quella privata. Chiaramente, oltre ai cittadini l’impegno deve coinvolgere il Parlamento, il Governo e tutte le istituzioni, agendo a partire dagli strumenti che abbiamo a disposizione, come la Legge 27 giugno 2013, n. 77, con cui abbiamo ratificato la Convenzione di Istanbul, la Legge 15 ottobre 2013, n. 119, contro il femminicidio, il Piano antiviolenza: ci consentono anche di stilare un promemoria affinché la mobilitazione e l’impegno quotidiano di tutte e di tutti si traduca in gesti grandi e piccoli capaci di fermare, una volta per tutte, la violenza sulle donne.
Sappiamo che la violenza di genere e i femminicidi non sono una ‘questione femminile’, ma un problema di cui tutte e tutti dobbiamo farci carico, per questo sono decisive le scelte che fanno e faranno gli uomini.
Sempre su questo tema ho rilasciato un’intervista a Rai News.

Lo Sport, le Olimpiadi, le donne
Sono più di cinquanta le donne portabandiera delle proprie nazionali ai Giochi di Rio, inclusa la nostra Federica Pellegrini.
Un fatto simbolicamente importante.
L’inclusione delle donne nelle discipline olimpiche è stata il risultato di vigorose battaglie durante il Novecento, che hanno conquistato pezzo a pezzo il diritto delle donne di competere su un piano di eguaglianza con gli uomini.
Ne parlo in questo articolo su l’Unità.
Governo
Si è riunito giovedì 28 luglio il Consiglio dei Ministri.
All’ordine del giorno, tra gli altri provvedimenti, l’approvazione del regolamento, da adottarsi mediante decreto del Presidente della Repubblica, contenentenorme per la semplificazione e l’accelerazione dei procedimenti amministrativi, a norma dell’articolo 4 della legge 7 agosto 2015, n. 124.
Nello specifico, Comuni e Regioni potranno individuare, con cadenza annuale, investimenti strategici di grande rilevanza finanziaria e forte impatto occupazionale per i quali richiedere alla Presidenza del Consiglio dei ministri una procedura accelerata. Ulteriori interventi potranno essere proposti dallo stesso Presidente del Consiglio. In entrambi i casi spetterà al Consiglio dei ministri disporre il taglio dei tempi burocratici previsti per tutte le procedure autorizzatorie cui è sottoposto un investitore per aprire l’attività. Il testo recepisce le indicazioni dei pareri parlamentari e del Consiglio di Stato, nonché le modifiche oggetto dell’intesa in sede di Conferenza unificata.Sono stati inoltre approvati tre decreti legislativi, nell’ambito della riforma complessiva della PA, riguardanti:

  • l’assorbimento del Corpo forestale nell’Arma dei Carabinieri, con l’obiettivo di dare unitarietà e più forza anche alla funzione di controllo sul territorio valorizzando la specialità agroambientale;
  • la riorganizzazione amministrativa del sistema portuale. Il decreto riorganizza il sistema portuale italiano in 15 Autorità di sistema portuale, che coordinano gli altri porti di rilevanza nazionale e che avranno sede nei porti definiti “core” secondo la normativa europea;
  • la Dirigenza sanitaria e in particolare i criteri di merito per la nomina dei direttori generali. Il decreto istituisce presso il Ministero della salute un elenco nazionale di quanti hanno i requisiti per la nomina a direttore generale delle Aziende sanitarie italiane. L’elenco sarà stilato da una Commissione istituita presso il Ministero della salute e composta da 5 esperti che parteciperanno a titolo gratuito.

Il Consiglio dei Ministri ha inoltre approvato una delibera con la quale viene avviata l’istruttoria finalizzata alriconoscimento di contributi per i danni subiti dalle abitazioni private e dalle attività economiche per le situazioni di emergenza di protezione civile verificatesi a partire dal maggio 2013: 800 milioni in due anni.
Si tratta di una riforma complessiva della gestione della post emergenza, che completa il percorso già avviato dal Governo Letta.

I Commissari delegati delle Regioni interessate hanno ad oggi svolto una prima ricognizione dei danni, per edifici privati, strutture, attrezzature e scorte delle attività economiche, che trova finalmente risposta concreta attraverso quanto il Governo ha attivato.

Parte così un procedimento rigoroso e trasparente che consente la determinazione esatta e documentata del contributo effettivamente riconoscibile, stabilendo anche le percentuali di ristoro.
La procedura di risarcimento prevede due fasi:

  1. una prima fase di raccolta delle richieste di risarcimento corredate da apposita documentazione;
  2. una seconda fase, che consiste nell’erogazione del contributo attraverso il meccanismo della cessione del credito d’imposta.

Per conoscere nel dettaglio tutte le misure adottate, potete consultare il  comunicato stampa.

in evidenza – rassegna


Venerdì  5 agosto sono stata alla Festa de l’Unità di San Gimignano per l’incontro Ero vestita a festa….a 70 anni dal primo voto delle donne a San Gimignano.

Hanno portato il loro contributo insieme a me Gianna Coppini (coordinatrice provinciale donne Spi) e Maria Luisa Farsi (presidente Auser). L’incontro è stato coordinato da Gianni Bartalini, consigliere comunale e segretario del circolo. Durante l’iniziativa si è esibito il jazzista Giulio Stracciati.

Giovedì 28 luglio sono stata alla festa de l’Unità di Cerreto Guidi per il dibattito “Un sì per l’Italia”, sulla riforma costituzionale e il Referendum.

È uscita su Tribuna Politica Web una mia intervista sulla parità di genere e sulle donne.