Sono profondamente convinta, da sempre, che la politica serva, sia indispensabile, specie quella che sta dalla parte di chi ha meno voce, quella capace di unire visione ideale e risultati concreti.

Ho sempre avuto e continuerò ad avere come guida nel mio agire l’articolo 3 della Costituzione, per me il più bello e potente di tutti, perché parla di diritti civili, di parità di genere, di diritto al lavoro, di diritto alla casa, parla di diritto allo studio, di salute, di beni comuni, di solidarietà, di rispetto, di giustizia sociale.

È da questa parte che scelgo – e continuerò a scegliere – di stare. Perché l’Italia sia davvero un Paese per donne e per uomini. Un posto nel quale si faccia crescere il lavoro di qualità, si allarghino i diritti, si sostengano tutte le famiglie, si combatta ogni discriminazione, si investa su una formazione di qualità, sulla ricerca e sull’innovazione costruendo le condizioni per uno sviluppo davvero sostenibile.

Eccomi, quindi, sempre al servizio del Paese, pronta ad ascoltare e a cercare insieme soluzioni per guardare con fiducia al futuro.

Quelli che trovate di seguito sono i report sulla mia attività nella XVII legislatura.