• News

Oggi è stata davvero una giornata intensissima, densa di incontri e storie dentro ad una delle realtà più peculiari del territorio toscano.

image

Sono stata a Pistoia questa mattina, accompagnata dai ragazzi dei GD toscani e dall’altra candidata Caterina Bini, per volantinare al mercato cittadino. È sempre utile escludere le intermediazioni e tornare a parlare con le persone direttamente in piazza, è un bagno di umiltà sempre ben accetto, oltre che un modo affidabilissimo per percepire gli umori delle persone.

Però, da lì a poco, mi sono trovata a cambiare completamente contesto, con la visita al Laboratorio di Modellistica Dinamica e Meccatronica dell’Università di Firenze (con sede distaccata proprio a Pistoia), e lì sono entrata nel mondo di questi straordinari ricercatori, che con la loro capacità innovativa portano avanti progetti fondamentali per il tessuto imprenditoriale del territorio, dato un legame ormai strettissimo.

Ho poi incontrato i vivaisti della Confederazione Italiana Agricoltori, ho pranzato con loro al circolo Arci Ramini, e poi ho visita due loro aziende, la Baldacci e la Trinci. La CIA Pistoia conta circa 7000 soci, un migliaio di aziende, prevalentemente piccole imprese a conduzione familiare.

I vivaisti del pistoiese rappresentano il 30% dell’economia agricola della Toscana, e sebbene il settore soffra come gli altri la crisi, riesce tutto sommato ad andare avanti. A me e agli altri futuri parlamentari chiede un’impegno deciso per la certezza dei tempi dei pagamenti nelle filiere produttive, e su questo la proposta ufficiale del PD si impegna ad aprire finanziamenti ad hoc (10 mld l’anno) per creare circuiti virtuosi e finalmente ‘normali’ di scambio.

Più tardi ho incontrato i lavoratori della Transystem, un’esternalizzata delle Poste Italiane che ha subito, come altre, il ridimensionamento degli appalti esterni, con conseguenze prevedibili: alcuni lavoratori hanno perso il lavoro, altri sono in cassa integrazione. Io e le altre candidate Silvia Velo e Caterina Cappelli ci siamo impegnate con i lavoratori a ripresentare nel prossimo Parlamento un’interrogazione sulla risoluzione già presentata dal Pd in questa legislatura, per tutelare i livelli occupazionali delle società esterne di Poste, e relativa qualità ed efficacia dei servizi.

image(22)Ho poi ascoltato lavoratori della LG Plast (ex Recoplast), impresa che opera nella filiera della raccolta differenziata e più specificamente nel riciclaggio delle materie plastiche. La situazione dell’azienda è particolarmente delicata e incerta: il piano industriale della nuova azienda non è mai stato attuato, attualmente i lavoratori non godono neanche della cassa integrazione e, sebbene l’azienda voglia andare avanti nonostante sia l’inizio della procedura fallimentare, sono 19 i lavoratori in attesa di stipendio, senza retribuzioni da 6 mesi.

Nel tardo pomeriggio sono stata alla presentazione del libro “Vite in Bilico” di Pippo Russo, che racconta alcune storie di lavoratori precari, umiliati nella loro professionalità e nella possibilità di guardare al futuro. Il lavoro è dignità e libertà per un lavoratore, ma può trasformarsi in un’angoscia perenne se incapace di assicurare una qualche stabilità. Col lavoro si costruisce la società, dobbiamo ricordarcelo, e per questo noi metteremo in piedi un Piano straordinario per chi dal lavoro è rimasto troppo a lungo escluso, ossia le donne ed i giovani.

Ora sono ad Agliana per una cena e subito dopo per un’iniziativa sul lavoro con i tre candidati del Pd pistoiese e con il segretario regionale dei Giovani Democratici Andrea Giorgio.