Ieri a Potenza Grillo ha ritirato fuori la sua vecchia idea di utilizzare addirittura i dazi per proteggere l’economia italiana!  Una scelta protezionistica del tutto sbagliata, basata sulla convinzione che per affrontare globalizzazione e mercati internazionali ci si debba chiudere e difendere.

Sono senz’altro necessarie regole ai mercati, reciprocità e lotta al dumping economico, sociale e alla contraffazione ma non chiusure e dazi: come lui stesso dice sarebbe un modo per tornare al Medioevo.

Bisogna, invece, accettare la sfida dei cambiamenti puntando sulla competitività con scelte di politica industriale capaci di portare nel mondo un modello economico etico, sostenibile, che già è vincente con il made in italy.