È davvero una bella iniziativa quella dei lavoratori dell’Ima di Calenzano che hanno chiesto alla loro azienda di destinare 60mila euro al fondo per il microcredito, istituito dalla Regione Toscana, per aiutare i lavoratori in difficoltà. È una storia di solidarietà quella dei dipendenti dell’Ima che hanno rinunciato a un piccolo aumento del loro, meritato, premio di produzione per sostenere lavoratori di aziende in difficoltà che da mesi sono senza stipendio né ammortizzatori sociali. Un gesto importante in un momento di difficoltà economica che colpisce il mondo del lavoro. Così chi, come l’Ima, ha superato bene la crisi e può permetterselo tende la mano a coloro che purtroppo si trovano in una difficile impasse. Un gesto straordinario, che mi auguro anche altri vogliano seguire. Un segnale di come il paese unito possa riuscire a superare la crisi che stiamo attraversando. Nello stesso tempo la politica deve prendersi le sue responsabilità e riavviare azioni a sostegno dell’occupazione.