statoregioni-1

L’Italia è un paese con luoghi bellissimi e tutti diversi tra loro. Questa diversità, che è la nostra ricchezza, a volte diventa una debolezza.

Lo è quando i servizi – come la sanità, i servizi per il lavoro, quelli sociali – non sono garantiti in modo omogeneo sul territorio; quando le politiche non sono coordinate, generano sprechi e inefficienze e creano condizioni per la competitività solo in alcune aree; quando i conflitti tra Stato e Regioni bloccano lo sviluppo e le innovazioni.

La riforma interviene su questo, modificando il titolo V: dà allo Stato più poteri, sia di coordinamento che di gestione di servizi, al fine di cancellare sprechi, offrire strategie unitarie di sviluppo del Paese e garantire condizioni di maggiore uguaglianza tra cittadini che vivono in aree diverse del paese.