[et_pb_section admin_label=”section”][et_pb_row admin_label=”row”][et_pb_column type=”4_4″][et_pb_text admin_label=”Testo”]

Ho appreso con grande dispiacere la notizia della morte di Alfredo Reichlin, che si è spento ieri all’età di 91 anni a Roma.

Reichlin fu acuto osservatore della realtà che rapidamente si trasformava nel corso del Novecento e di questi primi due decenni del Ventunesimo secolo.

Nella sua attività politica e intellettuale ha sempre analizzato la società con straordinaria lucidità, alla ricerca di idee e soluzioni per migliorare la vita delle persone, praticando concretamente i valori fondanti della sinistra riformista.

Per tutta la sua vita è stato una figura di ispirazione per tante e tanti che da lui hanno imparato che politica significa cultura, valore, conoscenza, responsabilità, volontà di condividere una prospettiva da cui osservare la realtà.

Con i suoi articoli e le sue opere, Reichlin ha fornito a tutte e tutti noi strumenti di osservazione e analisi delle trasformazioni sociali, economiche e politiche. Con la sua scomparsa tutte e tutti perdiamo un punto di riferimento.

Alla moglie Roberta, ai figli Lucrezia e Pietro va il mio abbraccio più affettuoso.

[Qui il comunicato sul sito del Miur]

[/et_pb_text][/et_pb_column][/et_pb_row][/et_pb_section]